Che cos'è l'accesso civico ?

L’accesso civico è il diritto di chiunque di richiedere i documenti, le informazioni o i dati che le pubbliche amministrazioni abbiano omesso di pubblicare pur avendone l’obbligo. Con il decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 si introduce l’istituto dell’accesso civico contemplato dall’articolo 5, ovvero del diritto a conoscere, utilizzare e riutilizzare (alle condizioni indicate dalla norma) i dati, i documenti e le informazioni “pubblici” in quanto oggetto “di pubblicazione obbligatoria”.

Questo istituto è diverso ed ulteriore rispetto al diritto di accesso ad atti e documenti amministrativi disciplinato dalla legge 241/1990. Diversamente da quest’ultimo, infatti, non presuppone un interesse qualificato in capo al soggetto richiedente e consiste nel chiedere e ottenere gratuitamente che le amministrazioni forniscano e pubblichino gli atti, i documenti e le informazioni, da queste detenuti, per i quali è prevista la pubblicazione obbligatoria, ma che, per qualsiasi motivo, non siano stati pubblicati sui propri siti istituzionali.

Referente per l'accesso civico

Riccardo Calvo, DS, Responsabile dell’attuazione del programma per la trasparenza

Modalità per l'esercizio dell'accesso civico

La richiesta può essere presentata sul modulo allegato e presentata:

via PEO: alis009005@istruzione.it

via PEC: alis009005@pec.istruzione.it

immagine

clicca per scaricare il modulo
La richiesta dovrà

recare l’oggetto “Esercizio dell’accesso civico”

evidenziare

il documento, l’informazione o il dato di cui sia stata omessa la pubblicazione;

il nome delle persone eventualmente già contattate

il nome, cognome, mail e numero di telefono del richiedente

Visite (0)